• Gio. Ott 6th, 2022

Denaro Lettera

Blog di Finanza, Economia, Pubblica Amministrazione, Melegnano e Giambellino

Chiusura positiva per le Borse della Domenica

Prevale il segno più sui listini azionari aperti la domenica. Si tratta delle piazze finanziarie dei paesi a prevalenza islamica o ebraica che rimangono chiuse il venerdì e il sabato. Nel dettaglio le principali Borse quella israeliana e quella saudita hanno chiuso rispettivamente con un rialzo dell’1,84% e dello 0,66%. Nella sostanza hanno confermato la chiusura positiva di lunedì di Wall Street. Ora il testimone passa alle Borse Oceaniche, la prima a partire è quella Neo Zelandese.

Gli aspetti tecnici

Sotto il profilo tecnico la Borsa saudita è un passo dai massimi del 20 di gennaio, ha messo a segno negli ultimi giorni un veloce recupero dopo il rintracciamento durato qualche seduta. Più in generale la Borsa saudita conferma, quindi, una buona intonazione del petrolio.

Passando alla piazza israeliana, il principale indice di Borsa è sui massimi del 20 gennaio, nel corso della seduta non è riuscito però superarli.

La piazze finanziarie mostrano quindi una forza relativa superiore a quella delle Borse europee e americane.

Quanto all’intraday, in Israele, si è saliti con una veloce compressione a metà giornata mentre in Arabia Saudita la seduta è stata direzionale verso l’alto ma con un’estensione limitata.

L’indice tedesco sui mercati dei cfd

Il Contratto per Differenza scambiato sulla piattaforma di IG, noto come Weekend Germany 40, un sottostante analogo a quello del principale benchmark tedesco alle 19,00 ore italiane scambiava a +0,72% sulla chiusura di venerdì come media fra il bid e l’ask, il prezzo denaro lettera.

Sopra Grafico da Tradingview della Borsa Saudita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *