• Gio. Ott 6th, 2022

Denaro Lettera

Blog di Finanza, Economia, Pubblica Amministrazione, Melegnano e Giambellino

Chiusura in rosso per Wall Street

La Bce, Facebook e implicazioni cicliche penalizzano le Piazza Finanziarie Americane. L’S&P 500 ha chiuso con un ribasso del 2,44%, più rotonda la discesa del Nasdaq con una flessione del 3,74%, Russel -1,50%.

La seduta ha consentito ai principali oscillatori di scaricare l’ipercomprato degli ultimi giorni. L’impulso è diventato ovviamente ribassista.

La giornata è già partita male con la trimestrale di Facebook arrivata ieri negli Usa dopo la chiusura della seduta, deludenti anche i risultati di Paypal. Il cambio di paradigma della politica monetaria europea (più restrittiva) ha contribuito all’ulteriore discesa delle piazze finanziarie globali.

Tornando a Fecebook, la società ha evidenziato target di fatturato per il primo trimestre del 2022 inferiori alle attese del mercato ed un utile inferiore alle attese. Per la prima volta poi il numero degli utenti è sceso. La società ha giustificato la discesa per via dell’aumento di popolarità di Tik Tok e per il cambiamento di regole sulla privacy fissato da Apple.

Cosi l’intermarket

I rendimenti del 2 anni americano e del 10 anni sono saliti portandosi a ridosso dei massimi di periodo. I bond hanno battuto 1,18% e 1,82% con i massimi di periodo a 1,22% a 1,90%.

Il cfd sul petrolio cash ha superato i 90, a 90,64 oltre +2%, oro stabile a 1.805, Bitcoin sotto 37.000 a 36.402. Euro Dollaro durante la sessione sopra 1,1450 con massimi a 1,1451.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *