• Gio. Ott 6th, 2022

Denaro Lettera

Blog di Finanza, Economia, Pubblica Amministrazione, Melegnano e Giambellino

Wall Street debole ma non molla

Chiusure in rosso per le piazze finanziarie d’oltre Oceano. L’S&P 500 ha perso lo 0,38%, il Nasdaq chiude sulla parità e per il Russel la perdita è dello 0,46%. Si tratta di perdite limitate o addirittura nulle come il listino tecnologico considerando i venti di guerra che spirano in Ucraina.

La giornatà è partita bene, con le dichiarazioni del Ministro degli Esteri russo Viktorovič Lavrov, possibilista su una risoluzione diplomatica alla crisi. Poi in serata le principali emittenti televisive americane hanno rilanciato notizie, poi smentite su una potenziale invasione russa per mercoledì.

Nel primo pomeriggio è tornato a parlare James Bullard, il Super falco della Fed di St. Louis (votante), anche se la reazione dei mercati è stata più mite rispetto a quella di settimana scorsa. Discorso anche per Esther George (esponente votante) del Fed di Kansas City che ha smorzato l’idea di un intervento della Fed al di fuori delle riunione ordinarie.

Tecnicamente l’impulso è ancora ribassista e siamo già in una buona estensione.

Il Risk off visto venerdì con contrazione dei tassi e discesa dell’azionario non si è ripetuto. Al contrario è tornato a prevalere un’inflation trade con tassi in salita sia sulla parte breve che la parte lunga della curva dei rendimenti. Il 2 anni sta accumulando al rialzo, viaggia all’1,57%, ad una manciata di basis point dal massimo di giovedì della settimana scorsa a 1,64%. Stesso copione per il 10 anni Usa, accumulazione, batte l’1,98%, il massimo risale venerdì a 2,06%. Abbiamo assistito a un ulteriore appiattimento della curva dei rendimenti, ora a 0,41 punti, anche se durante la giornata abbiamo toccato 0,40.

Il petrolio è a un passo dai 96 dollari al barile, 95,04 nel momento in cui si scrive, non accadeva dal 2014. Euro Dollaro in flessione a 1,1307 ed infine il Bicoin sopra 42.300 con +0,50% rispetto alla giornata di ieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *