• Gio. Ott 6th, 2022

Denaro Lettera

Blog di Finanza, Economia, Pubblica Amministrazione, Melegnano e Giambellino

L’America reagisce in attesa delle trimestrali tech di domani

Grafico e Prezzi Tradingview.com

Chiusura positiva per i principali indici americani. La reazione è stata soprattutto tecnica in senso esteso ma anche in parte supportata da fondamentali. La spinta principale è arrivata dalla ritmica dei mercati, L’America scendeva da circa 6 sedute consecutive. Lato tecnico il principale benchemark a stelle e strisce era in prossimità dell’importante area di supporto 4.155 – 4.170, zona di prezzi che però non è stata ancora raggiunta.

Sotto il profilo fondamentale ha aiutato l’accordo raggiunto da Elon Musk per l’acquisizione di Twitter, un affare da 44 miliardi di dollari. Sempre sul fronte fondamentale già a partire da domani e per tutta la settimana sono attese importanti trimestrali del settore tecnologico.

Cosi i dati di Coca Cola

Lato trimestrale oggi ha pubblicato i dati Coca Cola, la società ha riportato 10,5 miliardi di dollari di ricavi contro 9,83 previsti. Considerando l’utile Coca-Cola ha registrato un utile netto del primo trimestre attribuibile agli azionisti di 2,78 miliardi di dollari, o 64 centesimi per azione, rispetto ai 2,25 miliardi di dollari o 52 centesimi per azione dell’anno precedente.

Coca Cola ha confezionato prodotti con quantità ridotte in modo da mantenere e alleggerire la percezione dell’aumento dei prezzi. La società americana subisce invece l’aumento dei prezzi di: alluminio, palstica e sciroppo di mais. La società ad ogni modo preferirà intervenire in questo momento sui prezzi e non in un’eventuale fase recessiva dove la sensibilità lieviterà.

Passando all’operatività in Russia questa è stata sospesa a inizio marzo, i danni dovrebbero attestarsi sui 4 centesimi ad azione per fine anno con un calo dei ricavi dell’1 – 2% e dei volumi dell’1%.

La società ha confermato i suoi target di crescita 7% all′8% per i ricavi, dell’utile per azione dal 5% al 6%. Per il secondo trimestre, infine, Coca-Cola si aspetta un impatto negativo del 4% derivante dall’apprezzamento del dollaro.

Il rendimento del dividendo stimato dagli analisti è pari al 2,65% per il 2022 e 2,73% per il 2023.

Il titolo ha chiuso oggi con un rialzo dell’0,83%.

Dati Macro

Sul fronte dei dati macro non sono arrivate notizie confortanti. L’indicatore dell’attività di Chicago è stato pubblicato a 0,44 rispetto a 0,45 atteso e 0,51 relativo al mese di marzo. Più marcata la discesa registrata dall’indice della manifattura di Dallas con una flessione all’1,10, attese per 4,8 e dato precedente all’8,70.

Le altre asset class

I tassi di interesse sono scesi, nonostante le aste dei titoli di breve hanno registrato un andamento contrastato. Il 6 mesi è sceso dal 3,29% al 2,99%, mentre il 3 mesi è salito dallo 0,89 allo 0,86%. I

Il petrolio ha recuperato parte della discesa del mattino mentre il dollaro ha chiuso sostenuto. Oro pesante e Bitcoin in recupero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *